Un informazione....? Ciao a tutti, volevo sapere se...

no, il cuore non ne' risente, il cervello invece si'

Rispondi : Se un organo ne risente il cervello con mancanza di ossigeno. Un cuore sano resiste molto piu'.
Nessun organo risente della mancanza di respiro per breve periodo....il cervello è comunque il più sensibile, se in caso di arresto respiratorio non si interviene entro i 10 minuti si corrono seri rischi di anossia cerebrale con deficit conseguenti; Il cuore non ne risente, tranquilla.ma quale necessità ti porta a trattenere il respiro per lungo tempo??
Ciao a tutti, volevo sapere se quando si trattiene troppo il respiro il cuore ne risente e gli accorcia la vita? Ad esempio quando si inspira l'aria nei polmoni e la si trattiene per un pò.
assolutamente no,tuttavia,è consigliabile non farlo con troppa frequenza.
le cellule cardiace muoiono dopo 10 minuti di assenza di ossigeno (ma direi che a quel punto muori prima tu!) mentre per il cervello bastano solo 2 minuti.
quindi la risposta alla tua domanda è no, se vai in apnea per un tuffo il tuo cuore non ne risente
In condizioni normali gli esseri umani non possono immagazzinare molto ossigeno nel corpo. Un'apnea di più di un minuto di durata porta quindi ad una grave mancanza di ossigeno nella circolazione sanguigna. Danni permanenti al cervello possono avversi dopo circa tre minuti e la morte ne consegue inevitabilmente dopo pochi minuti se la ventilazione non viene ripristinata. Comunque, in circostanze particolari come l'ipotermia, l'ossigenazione iperbarica, l'ossigenazione apneica (si veda sotto), o l'ossigenazione extracorporea, periodi più lunghi di apnea sono tollerabili senza gravi conseguenze.
Il cuore non ne risente perchè le sue cellule possono restare anche 10 minuti senza ossigeno però la frequenza dei battiti aumenta e ad un certo punto se metti la mano sul petto setirai che il cuore batte in modo strano facendo due battiti veloci e restanto fermo per un pò, è in questo momento che devi riprendere a respirare perchè si può verificare un infarto o un esplosione del cuore.
Ciao
no non centra niente
Il cuore risente la mancanza del repiro e di conseguenza aumenta la frequenza cardiaca fino a un certo limite per non si amalla.


Domande correlate: