Analisi... marcatori tumorali? che significa? Dalle analisi di mio nonno c'è...

Il PSA ( antigene prostatico specifico ) è prodotto dalla prostata normalmente e pertanto lo si trova nel sangue entro i valori di riferimento che tu scrivi ( tra zero e 3,28). Nei casi di adenomatosi prostatica - cioè prostata ingrossata come succede quasi a tutti gli uomini oltre una certa età - può essere aumentato anche senza patologie neoplastiche. Viene utilizzato come marker tumorale perchè in caso di tumore alla prostata può aumentare molto, anche di diverse centinaia e oltre e in quei casi si fanno ulteriori indagini. E se l'aumento è importante può esserci davvero un tumore e quindi si può intervenire prima, senza aspettare le complicanze.
Purtroppo il tumore ci può essere anche senza aumento del PSA.
Nel caso di tuo nonno il valore è aumentato di poco e la cosa più probabile è che la prostata sia ingrossata e basta. Probabilmente il medico farà ripetere l'esame e consiglierà visita urologica ed ecografia reno vescicale e prostatica sovrapubica. Probabilmente tuo nonno non è tanto preoccupato perchè tanti suoi amici avranno fatto lo stesso iter. Un abbraccio

Rispondi : I marcatori tumorali sono sostanze prodotte direttamente dal tumore, come ormoni, enzimi o altre proteine, più o meno correlate con la crescita numerica delle cellule tumorali.
Se tuo nonno supera la soglia massima dei valori di riferimento significa che forse qualcosa non và.In genere, anche per tutte le altre analisi, rientrano nella normalità, appunto quei valori che non superano la soglia.
Anche se spero di no, per carità.
Auguri per tutto.
Nella prostata di tuo nonno c'è un'anomalia, potrebbero essere tante cose anche una semplice infiammazione fa alzare il valore del PSA quindi è necessario andare dal medico, magari farà rifare l'esame per sicurezza
Dalle analisi di mio nonno c'è una parte che non riusciamo a capire ... ve la riscrivo:
ESAME: DOSAGGI IMMUNOLOGICI--> MARCATORI TUMORALI-->PSA-->METODO UTILIZZATO: CHEMILUMINESCENZA.
RISULTATO: 4,340
UNITA': ng/ml
VALORI DI RIFERIMENTO: 0-3.28
rispondete in fretta please!
I marcatori tumorali sono proteine, ormoni o altre sostanze presenti nel tumore o circolanti nell'organismo che possono segnalare la presenza di un tumore o di alcune sue caratteristiche. Si tratta di sostanze, infatti, che vengono sintetizzate direttamente dalle cellule neoplastiche: più raramente sono prodotte dall'organismo in risposta allo sviluppo del tumore.
In alcune forme tumorali questi esami permettono di stabilire il grado di aggressività della neoplasia, anche indipendentemente dalle sue dimensioni.
Più diffusa è la loro utilizzazione durante o dopo la cura allo scopo di stabilire se è in atto una ripresa della malattia.
il PSA secondo alcuni Autori è utile nello screening dei tumori della prostata per individuare la fascia dei soggetti a rischio.
Viene normalmente prodotto dalla ghiandola prostatica e può innalzarsi nel sangue per malattie benigne (iperplasia prostatica o prostatite) o nel cancro della prostata. La entità e la frequenza dell¡¯innalzamento dei suoi livelli sono correlati alla estensione del tumore. Il dosaggio è utile per la diagnosi, in associazione all¡¯esame clinico-strumentale, e inoltre nella stadiazione e follow-up della malattia.
secondo l'esame di tuo nonno,il valore 4,340 è un pochino alto in quanto dovrebbe rientrare tra 0 e il metodo utilizzato per rilevare il valore è quello della chemiluminrscenza. A parer mio dovreste andare dal medico per avere più dettagli.


Domande correlate: